A DAVID BOWIE TRIBUTE...

The recording sessions of my new 4 songs EP are going great: all music tracks are there already, and vocals are going to be next.
But there's great news for me and, I hope, for you too: my great friend and co-author of the song Rotor Oscar Tolve joined in to arrange and record a tribute cover version of a quiet ignored song of the great David Bowie.
After the shocking news of Bowie's death in January I began to play a very personal version of what I consider to be one of his most beautiful and forgotten songs of the late 80's, taken from the first Bowie's album I ever bought.
Coincidentally, later on I met my friend Oscar and, during a conversation, he told me he was thinking, all by himself, to arrange a cover of the same song!!
So I took this revelation as a sign that this thing must be done... And here we are, at Enri Zavalloni's Atomic Studio in Longiano, melting our personalities into this wonderfully poetic Bowie's song, trying to give it a new fresh shape  and blending in the biggest Thank you! we can express in music to him.
I'm not giving away the title of the song right now, I'd like it to be surprising somehow...
As you might have seen with Swing by Japan, I like to produce highly elaborated cover versions, so stay in touch...

Le registrazioni del mio nuovo EP di 4 pezzi procedono bene: le tracce musicali sono pronte, a breve registrerò le parti vocali.
Ma c'è una bellissima novità per me e credo anche per voi: il mio caro amico e coautore di Rotor Oscar Tolve si è unito a me per arrangiare e registrare un tributo al grande David Bowie, una cover di uno dei suoi brani maggiormente ignorati oggi.
Dopo la scioccante notizia della morte di Bowie lo scorso gennaio, cominciai a suonare una versione molto personale di uno dei suoi pezzi più belli e, secondo me, anche tra i più dimenticati, un brano che appartiene all'ultimo periodo anni 80, tratto, inoltre, dal primo album di Bowie che io abbia mai comprato.
Per una strana coincidenza, quando tempo dopo incontrai il mio amico Oscar, mi raccontò durante una conversazione che stava pensando, tra sé e sé, di arrangiare una cover dello stesso brano!!
Ho preso questa rivelazione come un segno che questa cosa doveva essere fatta... Ed eccoci qui, all'Atomic Studio di Enri Zavalloni a  Longiano a cercare di fondere le nostre personalità dentro questo pezzo di Bowie così poetico e meraviglioso, con l'intenzione di dargli una forma nuova e fresca e di instillarci il più grande "grazie" che riusciamo ad esprimere in musica.
Non voglio rivelare per ora quale pezzo sia, preferisco sia una sorpresa...
Come avrete visto per Swing dei Japan, io amo creare cover piuttosto elaborate, quindi restate in contatto...

Leave a comment

    Add comment